David Hume (1711 – 1776) in biblioteca di filosofia

Il pensiero di Emanuele Severino nella sua "regale solitudine" rispetto all'intero pensiero contemporaneo

David Hume (Edimburgo, 7 maggio 1711[1] – Edimburgo, 25 agosto 1776)
“La vita e gli scritti. Proveniente da una famiglia di nobiltà di toga, trascorse la sua infanzia nella casa di Edimburgo e nella proprietà di famiglia di Ninewells, Berwickshire. Tra il 1721 e il 1726 frequentò l’univ. di Edimburgo, dove seguì lezioni di matematica e di filosofia naturale e si appassionò alle dispute filosofiche. Abbandonata l’idea di abbracciare la professione legale, al ritorno a Ninewells si impegnò in vaste letture, che gli aprirono, come egli stesso confessò, «una nuova scena di pensiero», atta a rivoluzionare gli studi filosofici. Per uscire dalla depressione nervosa causatagli dall’intenso sforzo intellettuale, che l’aveva portato a mettere insieme «materiali grezzi per molti volumi», tentò di intraprendere una vita più attiva impiegandosi per alcuni mesi nella professione di commercio, ma la «vocazione letteraria» ancora una volta ebbe il sopravvento. Trasferitosi in Francia, prima a Reims…

View original post 2.155 altre parole

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...